Carlo Cracco da MasterChef alla ribollita e le sue ricette

Carlo Cracco Se Vuoi Fare Il Figo Usa Lo Scalogno

Carlo Cracco è tra i cuochi più famosi d’Italia e dal 2011 è giudice di MasterChef Italia. Il suo libro “Se vuoi fare il figo usa lo scalogno”  è un invito agli amanti della cucina, siano veri esperti o semplici principianti, ad intraprendere un percorso che permetterà loro di apprendere molto nell’arte del cucinare, dalle preparazioni di base alle tecniche di cottura dei cibi con trucchi e segreti ai fornelli inclusi.

Carlo Cracco  nella presentazione del suo libro “Se vuoi fare il figo usa lo scalogno” (Rizzoli editore) ha raccontato di sé e dei suoi segreti in cucina nella Sala delle Muse del Museo Nazionale d’Arte Medioevale e Moderna di Arezzo. Lo chef “2 stelle Michelin” Carlo Cracco ha incluso nel suo libro, di cui ha già venduto oltre 100 mila copie, molto della sua brillante esperienza professionale che lo ha visto collaborare con Gualtiero Marchesi a Milano e, in seguito, in Francia, con Alain Ducasse (Hotel Paris) e Lucas Carton (Paris, Senderens) presso i quali ha appreso i segreti  della cucina francese.

Già nell’introduzione Cracco tiene a evidenziare che non si tratta, per lui, di un libro di sole ricette, ma di un contenitore di ricordi personali, molti dei quali riemersi durante la stesura. Le domande che non solo un bravo cuoco ma chiunque deve porsi cucinando portano con sé risposte che aumentano la propria cultura del cibo e questo non deve essere sottovalutato. Da dove vengono i cibi che usiamo? Chi li ha prodotti? Qual è la storia del territorio in cui sono nati? Il messaggio che un piatto in armonia con queste domande porta con sé è un carico di emozioni e di gusto salutare.

Tra le “creazioni” del ristorante milanese di Carlo Cracco troviamo piatti e abbinamenti molto suggestivi come il tuorlo d’uovo marinato con fonduta leggera di parmigiano o i tagliolini di riso con caviale.

Nel libro la sequenza delle ricette è vista come una serie di lezioni che aumentano di livello chi le prepara, quasi un corso di cucina in cui si può sentire parlare Carlo Cracco e spiegare in modo pratico cosa si deve fare passo dopo passo. Si comincia dai semplici spaghetti al pomodoro (semplici? Ne siamo sicuri? Anche qui qualcosa da imparare e da inventare c’è … ) e poi si passa ai bucatini all’amatriciana, melanzane alla menta … fino all’ultimo livello dove troviamo gnocchi al sugo di pesce o il soufflé al frutto della passione.

Se vuoi fare il figo usa lo scalogno” è solo l’ultimo libro del celebre chef . Nella sua bibliografia troviamo anche: “L’utopia del tartufo bianco” scritto nel 2002, “La quadratura dell’uovo” nel 2004,  “Cracco. Sapori in movimento” e “Panettone a due voci“.

Lascia un commento