Due “De” per una canzone: Teresa De Sio omaggia De Andrè

Teresa De Sio nasce a Napoli il 3 novembre 1955. Comincia a fianco di Eugenio Bennato nel ‘76 muovendo i primi passi nella tradizione popolare partenopea. Teresa De Sio è dotata di un timbro di voce particolarissimo e molto raffinato. Nel video interpreta in napoletano la canzone di de Andrè (in fondo i due testi a confronto). 

È nel 99 che Teresa s’interessa alla musica popolare pugliese, alla taranta in particolare e dopo la realizzazione di La notte del Dio che balla, Teresa produce Craj in cui la tradizione popolare pugliese, è il filo conduttore. Craj diventa un film documentario nel 2005 sulla musica popolare pugliese diretto da Davide Marengo e con la collaborazione di Giovanni Lindo Ferretti.

La trama di Craj è un viaggio attraverso la Puglia, intrapreso da Teresa De Sio (che interpreta il servo Bimbascione) e da Giovanni Lindo Ferretti (che recita la parte del principe Floridippo). I due personaggi lungo il percorso incontrano i grandi maestri della musica popolare pugliese come: i Cantori di Carpino, Matteo Salvatore e Uccio Aloisi.

Teresa De Sio nella presentazione del film tiene a evidenziare sui grandi artisti come Matteo Salvatore e Uccio Aloisi che “una delle cose che mi ha affascinato e che nessuno di loro ha fatto e ha mai voluto fare della musica un mestiere” e con un po’ di dispiacere aggiunge “anche per questo l’industria  discografica non si è mai occupata di loro”. L’industria discografica sta per morire, ha poi concluso, proprio perché si occupa di tutt’altre cose e non ha più molto da offrire.

In questo film c’è tutta la riconoscenza di Teresa per questi grandi vecchi della musica.

Craj, ignorato dai distributori nostrani forse perché ha vinto troppi premi, gira per l’Italia interessando sempre più spettatori con la poesia e l’intensità della sua storia. Il numero di spettatori, probabilmente, ora farebbe ricredere quei propinatori di cine-panettoni che attribuiscono agli italiani in partenza le proprie raffinate capacità produttive. Che dire a questi creatori eccelsi? La luna gira il mondo e voi dormite

Testi:

CREUZA DE MÄ 

Fabrizio De Andrè e Mauro Pagani (1984)

Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l’è ch’ané
da ‘n scitu duve a l’ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n’à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l’àse gh’é restou Diu
u Diàu l’é in çë e u s’è gh’è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
e a funtan-a di cumbi ‘nta cä de pria
E ‘nt’a cä de pria chi ghe saià
int’à cä du Dria che u nu l’è mainà
gente de Lûgan facce da mandillä
qui che du luassu preferiscian l’ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun

E a ‘ste panse veue cose ghe daià
cose da beive, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae ‘nt’u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi

E ‘nt’a barca du vin ghe naveghiemu ‘nsc’i scheuggi
emigranti du rìe cu’i cioi ‘nt’i euggi
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
bacan d’a corda marsa d’aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta ‘nte ‘na creuza de mä

Nel adattamento di Teresa De Sio diventa

NA STRADA MIEZZO ‘O MARE

Faccia de mare ca pe mare va
dint’a chella varca addò vuò arrivà
addò la luna ’n cielo se leva a gonna
e ‘a notte c’ha puntato ‘o curtiello ‘ncanna
che ‘ngopp’a ll’asino ce resta dio
’o diavolo s’è miso o posto sujo
turnammo a la riva, a asciuttà ll’ossa d’Andrea
’nterra a la funtana dell’acqua buia
Nterra a la funtana ce sta ata gente
ca nun va pe’ mare e nun sape niente
gente furastiera facce e mariuole
magnano ’o merluzzo e ll’e piace ’a coda
e quanno a la marina c’arriva ’o pesce
corrono ’e figliole ca si no s’ammoscia

Figli ca tenite vacante ’a panza
ve voglio purtà nu fritto de paranza
ddoje pummarole rosse e pupajno
durece surse e fiano d’avellino
tre maccaruni e aulive de gaeta
aglio e uoglio che ve n’alleccate ’e deta

Esce ’a barca d’o vino a navigà p’e scogli
dint’a na risata ca c’appiccia ’e voglie
sott’a stu sole c’abbrucia ll’uocchie
frate a sti figliole vestute a schiocche
vino che fai sanghe e lacreme amare
puortace a truvà na strada miezzo ’o mare 

 

Lascia un commento