Stefano Bollani , prima dello spettacolo.

Ha collaborato con grandissimi musicisti come Richard Galliano, Han Bennink, Aldo Romano, Pat Metheny, Martial Solal. Ha inciso dischi apprezzati dalla critica e dal pubblico tra i quali: Tati ( nel 2005 con Paul Motian alla batteria votato come disco dell’ anno per l’Academie du jazz francese) e The third man ( nel 2007 disco dell’anno per la rivista americana Allaboutjazz ).

Sembra di parlare di chissà quale musicista straniero, ma stiamo parlando solo di Stefano Bollani. Solo? Stefano Bollani ha fatto questo e anche altro. Nella musica non ha rinunciato né ha cercare nuove sperimentazioni né ad interpretare musica in partenza forse più “leggera”, ma nelle sue mani poi ricca di suoni inaspettati. Ha collaborato, infatti, con musicisti come Elliot Sharp, Hector Zazou, Sainhko Namcythclack come con gli italiani Elio e le storie tese, Samuele Bersani, Fabio Concato.

Nel programma televisivo di Renzo Arbore su RaiUno “Meno siamo meglio stiamo” è ospite fisso per tutto il 2005, ma è anche ideatore e conduttore, insieme a David Riondino e Mirko Guerrini, della trasmissione musicale Dottor Djembé, su Radio Rai 3.

Questo per presentare Stefano Bollani che sul palco del Mix Festival di Cortona 2012 si è esibito, quest’estate, in un concerto con l’Orchestra della Toscana diretta da Daniel Kawka.

Il concerto è stato aperto dallo stesso Bollani che ha eseguito tre improvvisazioni jazz, quindi, accompagnato dall’orchestra della Toscana guidata appunto da Daniel Kawka, l’esibizione è proseguita con una versione per pianoforte e orchestra della Rapsodia in blu di George Gershwin.

Il video, mostra il backstage e pezzi del concerto.

[nggallery id=2]

 

 

Lascia un commento